Minturno aderisce al consorzio intercomunale dei servizi sociali la soddisfazione del sindaco Stefanelli e dell’assessore Pelle

Dettagli della notizia

Il Comune di Minturno aderisce al Consorzio Intercomunale dei Servizi Sociali Sud Pontino LT5 (CO.I.SE.S.) Obiettivo: Migliorare la gestione dei servizi socio-assistenziali e socio-sanitari in maniera autonoma e tempestiva.

Data:

22 Dicembre 2023

Tempo di lettura:

Descrizione

Il Consiglio Comunale di Minturno, nella seduta odierna, ha aderito al Consorzio Intercomunale dei Servizi Sociali Sud Pontino LT5, denominato CO.I.SE.S. Il voto favorevole della massima assise civica cittadina è stato espresso all’unanimità dei consiglieri presenti in aula. L’assemblea consiliare ha approvato lo Statuto costitutivo ed il relativo schema di convenzione, che verrà firmato da tutti e nove i Sindaci dei Comuni del Distretto non appena i rispettivi Consigli avranno deliberato l’adesione al Consorzio.

Visibilmente soddisfatti il Sindaco Gerardo Stefanelli e l’Assessore alle Politiche Sociali Ilaria Pelle, che hanno sempre sostenuto la necessità di superare la logica del distretto tradizionale tra enti locali, per affidarsi ad un ente autonomo, dotato di una piena autonomia gestionale e patrimoniale, per la pianificazione associata dei servizi socio-assistenziali e socio – sanitari dei nove Comuni aderenti al Distretto LT/5 (Gaeta, Formia, Minturno, Castelforte, Itri, SS. Cosma e Damiano, Spigno Saturnia, Ponza e Ventotene).

<< Sono anni che la Regione Lazio chiede ai Comuni del Distretto Socio-sanitario di associarsi in un Consorzio intercomunale per gestire al meglio, ed in completa autonomia, i servizi socio-assistenziali e socio-sanitari nell’ambito territoriale del Distretto LT/5 Formia - Gaeta - ha dichiarato il Sindaco Gerardo Stefanelli nell’illustrare il punto all’ordine del giorno del Consiglio Comunale – attualmente siamo ancora distretto, tutto fa capo al Comune di Gaeta, quale ente capofila, ma per garantire una risposta più tempestiva e più celere ai molteplici bisogni delle nostre comunità nell’ambito dei servizi sociali, occorreva creare una struttura più forte, ovvero un Consorzio che finalmente può nascere dopo cinque anni di attesa da tale richiesta. La risposta a tali problematiche può essere più incisiva soltanto se vi è un ente autonomo. Il Consorzio avrà sede a Formia, un luogo baricentrico rispetto ai Comuni che ve ne fanno parte. Sono orgoglioso perché il Comune di Minturno ha fortemente voluto e sostenuto la costituzione di tale Consorzio ed ha lavorato in tal senso in seno al Comitato dei Sindaci appartenenti al Distretto socio – sanitario>>.

Anche l’Assessore alle Politiche Sociali Ilaria Pelle ha espresso la propria soddisfazione. <<E’ stato un lungo cammino ma siamo riusciti a tagliare un grande traguardo – ha spiegato l’Assessore Pelle – ora saremo in grado di incidere in maniera più capillare sulle politiche dei servizi socio-assistenziali, socio-sanitari, dei servizi alla persona>>.

L’assessore Pelle, nel corso del suo intervento in Consiglio Comunale, si è soffermata su alcuni aspetti di natura gestionale, che sono poi precisati nello Statuto del CO.I.SE.S. ed ha elencato ed illustrato i compiti dei vari organi consortili.

Gli organi sono: l’Assemblea Consortile, composta dai Sindaci dei Comuni aderenti al Consorzio o da propri delegati; il Consiglio di Amministrazione, quale organo esecutivo e di controllo dell’attività dell’ente, eletto dall’Assemblea consortile fuori dal proprio seno, composto da sette Consiglieri; il Presidente del Consiglio di Amministrazione, quale legale rappresentante del Consorzio; il Presidente dell’Assemblea dei Soci; il Direttore, che si occuperà di compiti di natura esclusivamente gestionale, a cui competono compiti di gestione tecnico/amministrativo/burocratica per l’attuazione degli indirizzi programmatici e per il raggiungimento degli obiettivi individuati per il perseguimento dei fini del Consorzio; il Revisore dei Conti.

Lo spettro dei compiti affidati al Consorzio è davvero ampio: welfare di accesso, servizi domiciliari, interventi di sostegno alla famiglia ed ai minori, accoglienza nelle strutture residenziali e semiresidenziali di minori, anziani, disabili e di persone in situazioni di fragilità, interventi di sostegno economico, di contrasto alla povertà e di inclusione sociale.

Ultimo aggiornamento: 18/03/2024, 17:13

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli?2/2

Inserire massimo 200 caratteri